LA FONDAZIONE

La Fondazione Natalino Sapegno è stata creata nel 1991 dalla Regione autonoma Valle d’Aosta e della famiglia Sapegno con i seguenti obiettivi: «favorire l’accesso dei giovani alle discipline umanistiche e creare le condizioni per un rapporto continuativo tra la ricerca storico-letteraria e la scuola»,  «promuovere gli studi e le ricerche nell’ambito delle letterature italiana e francese», e, più in generale, «favorire lo scambio e la diffusione di informazioni nell’ambito culturale italiano ed europeo».

La Fondazione è stata istituita a partire dalla biblioteca e dall’archivio del celebre critico letterario valdostano Natalino Sapegno (1901-1990), docente ordinario di letteratura italiana, autore di un commento alla Divina commedia, di storie della letteratura e di manuali scolastici.

Dal 1992, la Fondazione organizza seminari per dottorandi e giovani ricercatori, convegni, giornate di studio, corsi di aggiornamento per gli insegnanti; conferisce prestigiosi premi letterari; pubblica diverse opere. Nel 2010, in seguito al trasloco della sede nella Tour de l’Archet di Morgex (l’antico castello del paese, situato nel cuore del borso medievale, a pochi passi da un’area in cui la Fondazione e il Comune stanno allestendo un Parco della Lettura), la Fondazione ha potuto aprire al pubblico la sua vasta biblioteca letteraria (circa 50.000 libri) e destinare un’ala del castello all’importante collezione di fumetti e libri per ragazzi (circa 35.000 albi) di Demetrio Mafrica: nel 2014 è stato inaugurato il Biblio-Museo del Fumetto, un luogo di lettura ma anche di scoperta della storia, dei personaggi e dei creatori di fumetti.

Nello stesso tempo la Fondazione ha avviato un’intensa attività didattica rivolta agli studenti delle scuole di ogni ordine e grado per promuovere la cultura del libro, trasmettere il gusto della lettura e della scrittura (anche tramite il disegno, il fumetto, l’illustrazione), avviare i giovani alla letteratura e alla poesia attraverso numerosi progetti, in italiano e in francese, concepiti in collaborazione con i docenti.